Expoland

Expoland

Ieri sono stata ad Expo.
Avevano regalato due biglietti al mio ragazzo e così abbiamo deciso di andarci un giorno di agosto..visto che entrambi siamo in ferie.
Decidiamo di andare ad expo un pò scettici…non fanno per noi queste cose..ma alla fine dei conti, avendo i biglietti regalati, non avendo quindi speso noi un solo euro per entrarci, ci siamo buttati e via….
Arriviamo con il treno scendendo alla fermata Rho Fiera Expo Milano 2015 e ci avviamo verso i tornelli d’ingresso. Come previsto…una bella fila ci ha atteso…sotto il caldo sole di ieri, farsi più di mezz’ora di coda non è stato il massimo…ma è andata. All’ingresso ci sono i tipici controlli da aeroporto: faccio una specie di body scanner..insomma, si deve accendere la luce verde o rossa..io passo e si accende la lucina rossa e la tipa al controllo mi dice: “Ha qualcosa di metallo?”. Io la guardo perplessa e le rispondo di no..anche perchè il mio abbigliamento era chiaramente tutto lì, non c’era proprio possibilità di nascondere qualcosa da qualche parte: sandali, vestitino super leggero…beh sì, in effetti avevo mutande e reggiseno sotto!!
Comunque…non mi controlla, niente..potevo davvero avere qualcosa addosso..e passo!!

Superato il controllo, iniziamo il nostro giro…
Recuperiamo una mappa e per prima cosa cerchiamo un bagno..la lunga attesa ha reso necessaria la prima sosta alla toilette!!
Cerchiamo di capire cosa fare e come farlo..Sapevamo che per molti padiglioni c’erano lunghe file di attesa e abbiamo deciso di non ammazzarci ad attendere troppo a lungo sotto al sole per entrare in alcuni padiglioni…e ci interessava soprattutto vederne alcuni..
Ci avevano consigliato Giappone (che non abbiamo visto…2 ore di attesa…siamo matti!!???), Svizzera, Cina..
A priori ci siamo rifiutati di visitare il padiglione di Israele e al contrario abbiamo cercato quello della Palestina: mentre il primo era in bella mostra di fianco al padiglione del Vaticano (che non abbiamo visto!!), il secondo era ai margini dell’area espositiva, tra piccoli spazi dedicati per lo più a Stati africani come Mali, Senegal, Liberia, Mozambico, Algeria, Eritrea, Etiopia, Ghana…poi anche Grecia, Albania, Montenegro, Serbia, Corea del Nord, Giordania, Mauritania…Stand della Palestina microscopico, come gli altri di questa area, insignificante direi..senza foto, niente che spiegasse realmente la situazione di questo paese..Anzi, sconvolgente il fatto che nei paesi africani alla fine era come se ci fossero dei veri e propri mercatini di prodotti artigianali con donne e uomini intenti a vendere al miglior prezzo possibile braccialettini fatti con i semi, sandali di pelle, borse di pelle di serpente…una sorta di fiera campionaria dell’artigianato di Rho insomma.

Tra i padiglioni “dei grandi” visitiamo….Regno Unito, Spagna, Messico, Turchia, Malaysia, Indonesia, Polonia, Federazione Russa, Svizzera, Iran, USA, Turkmenistan, Estonia..
Deludenti, ognuno per vari motivi, ma soprattutto per una cosa: il tema del cibo in fondo non viene realmente sviluppato, ma il tutto risulta come una sorta di promozione pubblicitaria del paese, un’agenzia di viaggi fatta alla grande…Opulenza, splendore, illusione..queste sono le parole che per me descrivono meglio questa esposizione universale.
Ma cavolo….CIBO, FOOD…NUTRIZIONE DEL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA….cosa c’è di tutto questo?? Per me niente…Padiglioni spettacolari fuori, grande lavoro architettonico, su questo non c’è da discutere, luci, odori, meglio fuori che dentro direi…perchè una volta che entri in alcuni padiglioni cosa si trova? Piante finte, plastica, finzione..pubblicità al paese e in alcuni padiglioni il cibo non viene neppure citato! Il peggiore visto per me è stato quello della Malaysia forse..Fuori molto accattivante, dentro invece: paesaggi riprodotti con l’utilizzo di piante finte, fintissime..spiegazione delle nuove tecniche d’avanguardia utilizzate nel paese per l’estrazione dell’olio di palma..che come tutti sanno è davvero salutare per l’organismo! Fuori dal padiglione odore di olio di palma  a go go..

Bello l’albero della vita…alle 21:00 c’è lo spettacolo con luci e giochi d’acqua..
Fuori da ogni padiglione cibo tipico del paese…non in tutti i padiglioni…e prezzi esorbitanti..Io ho mangiato le patatine e bevuto la birra del Belgio..per il resto abbiamo comprato qualcosa da mangiare al supermercato della Coop dove abbiamo notato che i prezzi erano più bassi di quelli effettivi della Coop…a saperlo ci facevamo la spesa!!

Una cosa ridicola: a 5€ vendevamo un finto passaporto e dentro ai padiglioni ti facevano il timbro..illusione di aver visitato realmente quel paese.

Dell’Italia..massiccia presenza della Sicilia! Alcune regioni invece erano del tutto invisibili..

Caso vuole che proprio ieri abbia fatto visita ad Expo il primo ministro israeliano..Dispiego di pubblici ufficiali sconvolgente..Padiglione di Israele chiuso dalle 13:00 e circondato da un vero e proprio esercito di poliziotti, aereo della polizia che sorvolava sulla zona, poliziotti in borghese in giro per l’area, finanzieri, carabinieri e chi più ne ha più ne metta…Massiccia sorveglianza del padiglione israeliano a spese dello Stato italiano..
Avessi portato la mia borsa di Free Palestine mi avrebbero senz’altro fermata, sicuro al 100%

Ridicolo!!
Cos’è Expo? La riproduzione di plastica di un mondo d’apparenza, governato dai ricchi e in cui i veri problemi non interessano a nessuno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...